Roma fa schifo

Se si continuano ad arrestare e rilasciare seduta stante solo perché minorenni o gravide, la situazione non si risolverà mai.
LO SFOGO (LA METRO E’ INCREDIBILMENTE INFESTATA DI LADRI, E FILIPPO CONTINUA A SCRIVERE)
Buongiorno Vicesindaco
ho scritto una quindicina di mail all’Urc e anche direttamente al Sindaco per esporre lo straordinario degrado della metropolitana. E’ assolutamente intollerabile che non si riesca a porre un freno alle gang e baby gang di ladre che si aggirano indisturbate sulle banchine e sui vagoni in particolare della metro A e che quotidianamente mettono a segno decine e decine di furti. Di quante altre denunce avete bisogno per fermare queste bande che non solo con minacce verbali, ma anche con minacce fisiche quotidianamente accerchiano turisti e utenti romani del servizio Atac? Basterebbe che lei sfogliasse le pagine de Il Messaggero per vedere che anche due giorni fa un gruppo di turisti ha reagito contro l’ennesimo scippo da parte di due rom. Non è concepibile che si paghino 250 euro di abbonamento annuale per un servizio assolutamente privo di sicurezza. Li paghiamo forse per dare ai ladri la possibilità di rubarci quotidianamente soldi e cellulari? Possibile che non riusciate a disporre più forze dell’ordine che pattuglino costantemente la metro e le stazioni per prevenire questi furti? Non si tratta di ladruncoli occasionali, io stesso oramai li riconosco a vista, sono sempre gli stessi che vengono presi una tantum e poi dopo poche ore ritornano indisturbati. E’ faccenda quotidiana oramai essere accerchiati da gruppi di rom, essere derubati e nel caso si cerchi di reagire ricevere minacce, calci e sputi. Mi dica lei se è normale che OGNI GIORNO la situazione sia questa.
FILIPPO
da Facebook http://ift.tt/1qsYmB5

wysiwyg:
a:2:{s:18:"plain_text_editing";b:0;s:13:"post_modified";s:19:"2014-08-21 12:47:32";}

Tagged under: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top